Digital PR su Twitter: come agganciare un influencer

Quando parliamo di Influencer e Digital PR, su Twitter come sugli altri social, ci riferiamo a tutte quelle attività che mettiamo in atto per instaurare delle conversazioni con uno o più soggetti selezionati al fine di coinvolgerli in una delle nostre attività.

Gli influencer sono delle persone che per via della loro attività, costante e precisa, riescono a trascinare un grande numero di persone e a porre l’attenzione su determinati argomenti, scatenando l’interesse del loro pubblico. Coinvolgerli nelle attività diventa dunque strategico, specialmente quando si tratta di eventi o campagne particolari che riguardano determinate nicchie.

Digital PR su Twitter: una premessa

L’attività di Digital PR che svolgo si consuma spesso su Twitter, un social che per sua natura, offre una modalità di contatto molto diretta e dinamica, senza gerarchie. L’assenza di “fanpage” su Twitter, ci rende apparentemente tutti uguali, brand e persone hanno account identici per struttura e funzionamento, ed è proprio questa uguaglianza che ci rende più propensi alla conversazione: siamo tutti sullo stesso piano, siamo voci, siamo persone.
A patto che tutto avvenga con naturalezza e senza forzature.

La prima considerazione che bisogna fare quando si vuole intraprendere un’attività di Digital PR su Twitter è che gli influencer rappresentano un’opportunità enorme per la nostra attività,  lungi dall’essere convinti che possiamo usufruire della loro notorietà e poi abbandonarli: gli influencer non vanno sfruttati ma coinvolti e la relazione che instauriamo con loro non dovrebbe limitarsi all’evento specifico in sé ma dovrebbe continuare anche dopo.

La vera opportunità è riuscire a coinvolgere un influencer e mantenere alto l’interesse verso i tuoi contenuti anche dopo che l’operazione per cui è stato coinvolto si è conclusa.

Come selezionare gli Influencer su Twitter

Di persone influenti e che riescono a catalizzare l’attenzione trascinando la propria nicchia verso un determinato argomento ce ne sono tante, come si fa a scegliere la persona che fa al caso nostro?

Una cosa fondamentale, che bisogna sempre tenere a mente in questa fase è che l’influencer che sceglieremo avrà il compito di trasmettere e trasferire i nostri valori, le nostre idee, la nostra identità, quindi è meglio scegliere una persona che, per valori e idee, sia già simile a noi, così sarà più facile far passare il messaggio. 

La selezione ha inizio da Twitter. Il primo passo è chiaramente quello di cercare gli influencer a partire da un dato argomento, raccogliere i dati e studiare uno per uno la loro attività per capire quali di questi possono fare al caso mio. Grazie alla Ricerca Avanzata di Twitter possiamo effettuare una prima mappatura, per argomento (e hashtag) andando a scoprire chi ha twittato cosa e quando. Non è tutto: i filtri di ricerca ci permettono di cercare per luogo, arco temporale, lingua e addirittura umore. 

twitter-influencer-4

La ricerca, se ben impostata, rappresenta già una risorsa grezza incredibile. Il punto fondamentale è poi lo studio e la scelta delle persone, che richiede tempo. Se di tempo non ne hai puoi sempre farti aiutare da uno dei tanti tool in circolazione, che ti aiutano a mappare le persone più influenti in base a parametri diversi. Io attualmente utilizzo Augure ma mi fido anche molto delle mie esperienze dirette, frequento i gruppi Facebook, sono attiva su Twitter e Linkedin. 

I Parametri per la scelta di un Influencer

Quali sono i parametri importanti per scegliere il mio influencer? La prima discriminante è ovviamente il settore. Se io parlo di dieta vegana sicuramente non sceglierò un influencer che parla di viaggi, ma al massimo uno che parla di gastronomia e dieta sana…

Dopo il settore, i valori sono la seconda cosa da considerare. La domanda da porsi è: gli affiderei la comunicazione del mio brand? Per darti una risposta studia i suoi canali, leggi ciò che scrive e fatti un’idea.

Terzo parametro: molti si aspettano che io dica “I FOLLOWERSSSS”. E invece no.
A mio parere conta di più l’autorevolezza, una caratteristica che a volte coincide con il numero delle persone che ti seguono ma a volte no. Un influencer autorevole è una persona che grazie alla sua costante attività di produzione di contenuti incentrata su un argomento specifico è riuscito a costruire la propria reputazione ed è diventato una delle fonti più serie e importanti del settore.

Identikit dell’influencer autorevole 

  • ottima presenza sui social network
  • palese riconoscibilità dei suoi interessi professionali 
  • è una persona che viene spesso citata come fonte da altre voci di settore
  • i suoi contenuti contano molte condivisioni
  • riesce a generare delle conversazioni durevoli e interessanti
  • è seguito regolarmente dalla sua nicchia
  • mai, mai, mai, si improvvisa tuttologo

Gli altri parametri da considerare sono quelli relativi ai contenuti: quanto pubblica? Su quale social è più attivo? Ha già collaborato con altre aziende? Per quali tipi di attività? 

Studiare le persone influenti prima del loro coinvolgimento è una fase determinante che ci aiuterà a capire come agganciarlo in maniera efficace, andando a toccare gli argomenti di interesse non solo professionale, ma (magari!) anche personale.

Come agganciare un influencer su Twitter

Una volta, una mia collega mi disse: “Ho trovato l’influencer giusto e che fa al caso mio, ma non so come iniziare a parlargli. Cosa gli dico?”. Se anche tu ti sei fatto questa domanda, significa che la fase precedente di selezione e scelta non è andata a buon fine.

twitter-influencer3

Per esperienza personale ho appurato che niente colpisce di più come un approccio che rivela interesse nei tuoi confronti, nei confronti di quello che fai e che dici. Studiare una persona significa infatti capire che tipo di affinità hai con lei e trovare una argomento sul quale sia tu che lui/lei siete competenti.

La prassi è iniziare a seguirlo, dopo un po’ andare a leggere gli ultimi contenuti pubblicati ed iniziare una conversazione su un interesse che avete in comune (che, bada bene, deve essere palese anche per lui).

Rispondi ad una domanda che lui ha twittato, integra delicatamente un discorso che lui sta facendo con altri, proponi un punto di vista alternativo davanti ad una sua affermazione. Su Twitter come nella vita reale, valgono l’apertura e la propositività. Evita di braccarlo o assillarlo dando risposte a tutto ciò che scrive.

Il Tweet ideale deve contenere alcune caratteristiche fondamentali: fornire una info interessante, lasciare lo spunto per una eventuale risposta aperta, essere leggero e senza effetti polemici o pedanti.

Come nella vita, vale anche la simpatia ma spesso e volentieri, le conversazioni iniziate con le battute (a meno che non sia la battuta del secolo) nascono e muoiono nel giro di poche ore.

Rendersi interessanti agli occhi di un influencer è un’altra cosa.

Come mantenere la relazione

Hai studiato il tuo follower, hai letto ciò che ha scritto, hai atteso come un leone che pubblicasse il contenuti ideale per potergli mandare un tuo feedback e alla fine lui ti ha risposto. Bene. Sei a metà dell’opera.

Il fatto che qualcuno ti risposta su Twitter non significa che tu abbia fatto centro… Magari è solo cortesia.

twitter-influencer2 

Ma siccome siamo ottimisti (e in questo lavoro bisogna esserlo per vocazione) rispondiamo con cortesia e disinteresse e continuiamo ad interessarci alla sua attività: cerchiamo di interagire con lui nelle stesse modalità nelle volte successive, senza essere ripetitivi ma cercando di essere, invece, interessanti, leggeri, aperti.

La regola è sempre quella: impara a capire chi hai davanti e mostrati interessato. Retwitta le cose che pubblica, se rientrano nei tuoi interessi, e se avete iniziato a conversare in maniera regolare, inizia a coinvolgerlo nelle tue piccole attività quotidiane, gratificalo, aggiungilo alle tue Liste Twitter

Instaurare conversazioni e relazioni attraverso il web è un lavoro a tempo pieno, occorrono attenzione, sensibilità e tatto. Come nella vita reale dobbiamo sempre prima ascoltare e valutare prima di entrare in contatto con persone. Solo attraverso lo studio e l’ascolto riusciamo a trovare un punto di incontro e ad instaurare un dialogo duraturo. Se il nostro obiettivo ultimo è quello di favorire le condivisioni da parte di un influencer dobbiamo creare feeling con lui. Uno dei modi più facili è dimostrare quanto si è autorevoli e simili. L’evoluzione segue pressoché questi passi:

sconosciuti -> interessanti -> autorevoli -> simili 

Con questa modalità di approccio ho raggiunto i miei obiettivi e sono riuscita a coinvolgere spesso e volentieri influencer di settore che ancora oggi continuano ad includermi nelle loro conversazioni. 
Chiaramente è un’operazione alla quale mi dedico nel quotidiano, con costanza e dedizione. 

Conclusioni

Quando parliamo degli influencer su Twitter e di Digital PR, dobbiamo comprendere che reciprocità del coinvolgimento è un’opportunità importante ma è anche un risultato che si raggiunge piano piano, attraverso un’ottima qualità dei contenuti che proponiamo ma anche attraverso pazienza, sensibilità e studio.

Ti sei mai trovato nella situazione di dover coinvolgere un influencer per la tua attività di Digital PR su Twitter? Raccontami com’è andata!

Riguardo l'autore

Durante la Laurea in Comunicazione pubblica, d’impresa e pubblicità, collabora con alcune realtà che si occupano di formazione in ambito Digital e lavora per la Pubblica amministrazione. Dopo la Laurea e una breve esperienza in una web agency di Bologna inizia ad avere piccole collaborazioni svolgendo il lavoro di Copy e Community Manager. Decide in pochi mesi di aprire una Partita iva e diventare freelance, perché è fermamente convinta che sia la modalità di lavoro che faccia al caso suo. Attualmente lavora come Copy, Community Manager e digital PR per diverse agenzie divise fra Bologna e Modena e collabora con alcune piccole imprese locali. Ha costruito la sua esperienza nei settori food, moda, lifestyle, automotive, PA, arredamento e settore assicurativo.

0 Commenti

Scrivi un commento