Creare un Content Marketing Mix completo ed efficace

Costruire un Content Marketing Mix efficace è una delle sfide più belle del nostro mestiere, non solo perché c’è bisogno di mettere in gioco tutta la nostra creatività, ma anche perché osservare la risposta degli utenti “da dietro le quinte” e dialogare con loro è una continua sfida.

Quando si tratta di Content Marketing Mix si fa riferimento alla creazione di contenuti ben precisi, che seguono una logica che dipende fortemente dagli obiettivi di base del nostro progetto iniziale. “Bisogna creare contenuti interessanti” si legge spesso in giro “per far sì che gli utenti conoscano il prodotto, dialoghino con l’azienda e, soprattutto, acquistino quello che vendiamo”.

Oggi vediamo da vicino quali sono questi contenuti e come si costruisce un Content marketing mix efficace prendendo come esempio un brand che mi sta particolarmente a cuore.

Per capire qual è il giusto mix ho preso spunto dalla Matrice dei contenuti elaborata da SmartInsights.it che individua in 4 tipologie il giusto mix da proporre al proprio target.

Questi sono:

  • Contenuti che divertono
  • Contenuti che educano
  • Contenuti che ispirano
  • Contenuti che convincono

Analizzerò questi 4 tipi di contenuti prendendo come esempio FlorBerry, un medicinale contro la cistite che, su Facebook, ha avviato a mio parere una strategia molto interessante ed efficace, non solo perché chi c’è dietro è riuscito a rendere interessante un argomento “ostico” come la ben nota infezione, ma anche perché è riuscito a creare una community attiva.

Contenuti che divertono

Prima di poter vendere qualcosa devi prima agganciare il tuo pubblico, colpire la sua attenzione, in una parola: intrattenerlo.

I contenuti divertenti sono quei contenuti non troppo impegnativi, condivisibili e che fanno leva sulla componente ludica. Si tratta di varie tipologie di contenuto che spaziano dalla gamification al real time marketing: quiz, giochi, vignette, battute etc. Anche i video sono un importante contenuto ludico da non sottovalutare, poiché aiutano molto ad intrattenere il pubblico divertendolo, senza contare che sono molto apprezzati anche da Facebook che ha iniziato a dargli molta più rilevanza…

Florberry ad esempio propone video molto leggeri ed ironici, che parlano di problemi quotidiani del target (ma anche potenzialmente di tutte le donne) presentando il prodotto in una veste allegra. Il secondo contenuto invece potrebbe essere considerato un piccolo “regalo”: una grafica da salvare e mandare alle amiche più care. Quest’ultimo è un contenuto semplicissimo ma di grande efficacia (basta guardare l’impatto che ha avuto sulla pagina Facebook per rendersi conto).

Content-marketing-mix-1 Content-marketing-mix-2

 

Contenuti che educano

Parte di un content marketing mix efficace sono i contenuti che mostrano il lato autorevole del brand. Guide, grafici, infografiche sono tutti contenuti che aiutano il brand a corroborare la propria autorità di settore e a gettare le basi per un rapporto fiduciario con il proprio target.

FlorBerry ha pensato sia di pubblicare notizie prese dal blog aziendale che informano le donne sui problemi relativi alla cistite e sia pubblicando vignette divertenti che rimandano ai contenuti del sito aziendale. La seconda modalità forse è la più apprezzata perché unisce due componenti, educativo e ludico, per un risultato a metà fra l’informativo e il divertente.

Content-marketing-mix-3 Content-marketing-mix-4

 

Contenuti che ispirano

Ogni brand ha bisogno di contenuti che ispirano il target potenziale a fidarsi di lui. Niente ispira gli altri quanto una recensione vera e positiva da parte degli utenti che hanno già avuto a che fare con il brand in questione. Ma come fare per avere dei feedback? Stimolarli!

Esistono moltissimi modi per avere in cambio feedback dagli utenti e, a seconda del prodotto, ogni brand può trovare la propria modalità.

Su Facebook ad esempio è sempre buona regola inserire una call to action alla fine di un post, chiedendo a chi ha già provato il nostro prodotto o servizio a raccontare la sua esperienza. Si può anche inventare un piccolo contest da lanciare online chiedendo agli utenti di raccontare come il prodotto ha cambiato in meglio la loro situazione; molto spesso quando il prodotto lo permette, alcuni brand preferiscono far provare direttamente il prodotto ad un gruppo di consumatrici affinché il loro pareri possano dare la propria opinione:

Content-marketing-mix-5 Content-marketing-mix-6

Contenuti che convincono

Si tratta di tutti quei contenuti che da un lato attestano l’importanza del prodotto rispetto ad un determinato bisogno e dall’altro corroborano i valori aziendali rafforzandone l’immagine. In questo senso le notizie e le informazioni, che molto spesso si trovano sotto forma di post sul blog aziendale, sono un contenuto imprescindibile per completare un content marketing mix di successo.

Content-marketing-mix-7

Il brand che ho seguito per esempio, ha proposto molti contenuti informativi che parlano di quanto il mirtillo rosso (contenuto nel prodotto!) sia utile per prevenire la cistite. Si tratta di contenuti presi per lo più dal blog aziendale, questo significa che aprire un blog aziendale e curarlo in maniera impeccabile costituisce uno dei più grandi supporti al content marketing mix. (Se vuoi scoprire come creare un blog aziendale di successo puoi leggere questo articolo di Simona Bonciani).

Flessibilità del Content Marketing Mix

Queste 4 tipologie di contenuti costituiscono una guida utile e concreta da tenere a mente durante le fasi di progettazione di una strategia di Social Media Marketing. Ciò che ho fatto oggi è stato applicare una chiave di lettura ben precisa ad un caso specifico, ma ciò non significa che questa “griglia” non possa essere applicata a progetti più generali e declinati in diversi canali. Certo, bisogna considerare una cosa: molto spesso i contenuti proposti da brand e aziende sono tasversali, ovvero abbracciano una o più categorie, alcuni contenuti possono essere ludico/informativi, altri ispirati e convincenti.

L’importante però è tenere sempre a mente una cosa: ogni brand ha il suo stile di comunicazione e il suo tone of voice può far prevalere l’una o l’altra tipologia di contenuto. Quello che bisogna cercare di fare sempre però è  stimolare il lato ludico, solo così possiamo arrivare al lato razionale . E voi avete mai utilizzato questa griglia per il content marketing mix? Quali contenuti amate di più? Scrivetelo nei commenti!

Riguardo l'autore

Durante la Laurea in Comunicazione pubblica, d’impresa e pubblicità, collabora con alcune realtà che si occupano di formazione in ambito Digital e lavora per la Pubblica amministrazione. Dopo la Laurea e una breve esperienza in una web agency di Bologna inizia ad avere piccole collaborazioni svolgendo il lavoro di Copy e Community Manager. Decide in pochi mesi di aprire una Partita iva e diventare freelance, perché è fermamente convinta che sia la modalità di lavoro che faccia al caso suo. Attualmente lavora come Copy, Community Manager e digital PR per diverse agenzie divise fra Bologna e Modena e collabora con alcune piccole imprese locali. Ha costruito la sua esperienza nei settori food, moda, lifestyle, automotive, PA, arredamento e settore assicurativo.

0 Commenti

    Scrivi un commento