Bonus pubblicità

Dopo il decreto “Cura Italia” del 2020, con il “Sostegni bis” il Governo italiano ha esteso al 2021 e 2022 la possibilità di usufruire di un’agevolazione sugli investimenti pubblicitari. Il famoso “bonus pubblicità” è la misura con la quale è possibile trasformare in credito d’imposta una parte delle spese sostenute per investire su giornali, periodici (anche in forma digitale), radio e tv e promuovere la propria attività. 

Si tratta di un’opportunità da cogliere, soprattutto in un periodo in cui la pandemia ha fatto da spartiacque tra le aziende che hanno saputo comunicare bene e mantenere un contatto con i propri clienti e quelle che invece non hanno saputo o potuto reinventarsi, accentuando ancora di più le distanze con il proprio pubblico target. 

Bonus pubblicità 2021: quanto vale?

Il Bonus Pubblicità è un’agevolazione fiscale statale attraverso cui il 50% delle spese pubblicitarie viene trasformato e recuperato in credito d’imposta e può essere richiesto da:

  • imprese
  • liberi professionisti
  • enti senza scopo di lucro.

Il bonus è calcolato nella misura unica del 50% del valore degli investimenti pubblicitari effettuati e sono ammesse tutte le spese relative all’acquisto di spazi pubblicitari su giornali e magazine stampati e digitali, purché garantiscano determinati requisiti. 

Requisiti e tempistiche

Oltre a prestare attenzione alle tempistiche (le domande, infatti, dovranno essere presentate tra il 1° e il 31 ottobre 2021) occorre ricordare che gli investimenti dovranno riguardare campagne pubblicitarie sui giornali quotidiani e periodici. Questi devono essere pubblicati in edizione cartacea registrati presso il competente Tribunale, ovvero presso il Registro degli operatori di comunicazione (ROC), e dotati del Direttore responsabile. Sono ammessi anche gli investimenti pubblicitari effettuati su web magazine purché dispongano degli stessi requisiti, ovvero rientrino nei giornali on line. Infine, il “bonus pubblicità 2021” potrà essere sfruttato su emittenti televisive e radiofoniche. 

Chi beneficerà del bonus dovrà inviare dal 1° al 31 gennaio 2022 la “Dichiarazione sostitutiva relativa agli investimenti effettuati”, attestante gli investimenti effettivamente realizzati nell’anno agevolato.

Il Giornale del Cibo per la tua pubblicità

Da più di cinque anni Noetica gestisce e cura il progetto editoriale Il Giornale del Cibo, web magazine edito da CIRFOOD e registrato al Tribunale di Bologna come testata giornalistica on line. Con oltre 15 milioni di utenti, 190.000 followers sui social e 20.000 iscritti alla newsletter, Il Giornale del Cibo si è aperto al mondo della pubblicità e supporta le più importanti realtà italiane del mondo food & beverage nella loro promozione, attraverso una interessante e coinvolgente strategia di contenuto.

Se la tua azienda cerca un magazine autorevole e completo, con proposte diversificate per veicolare contenuti di valore e raggiungere utenti interessati al cibo dal punto di vista culturale, sociale, politico ed economico, scarica il Media Kit 2021 e scopri tutte le soluzioni proposte!