Organizzare un blog tour: 5 suggerimenti per sopravvivere e divertirsi (tanto)

Il Blog Tour è una pratica molto diffusa nell’ambito delle digital PR e viene utilizzata per promuovere online un luogo, un evento oppure una struttura ricettiva. Nel corso di un Blog Tour ai partecipanti vengono illustrate le eccellenze di un luogo, attraverso esperienze coinvolgenti e spesso riservate. L’obiettivo è quello di fornire informazioni qualificate e appassionare il blogger, suggerendo spunti per parlare in diretta della sua esperienza sui social network e, una volta tornato a casa, sul suo blog.
Ben lungi dall’essere considerato un “viaggio di piacere”, il blog tour è, per chi lo organizza e vi partecipa, una preziosa occasione per stringere relazioni.

E qui finisce la teoria.
La pratica, come al solito, suggerisce molti altri spunti ed è l’argomento di questo post.

Il 5 e 6 Settembre Noetica ha organizzato per la Fondazione di Vignola il Blog Tour #TuttiColoriDelPennello coinvolgendo 10 tra i principali blogger italiani dei settori Turismo e Cultura. I blogger hanno partecipato all’inaugurazione del restauro della Torre del Pennello, entrando per primi nella Rocca restaurata insieme ai protagonisti degli interventi di conservazione; hanno inoltre assistito alla prima serata di videoproiezioni delle decorazioni quattrocentesche sulle pareti esterne della Rocca. Questa esperienza esclusiva ed emotiva è stata “condita” dalle eccellenze enogastronomiche della città di Vignola e dei suoi dintorni.

Anche per Noetica, nonostante lo stress organizzativo, è stata una “due giorni” divertente e, a suo modo, educativa.
Ecco 5 cose che ho capito sull’organizzazione di un blog tour e che voglio condividere.

1) La selezione dei blogger è importante, ma non è tutto…

Quando a Maggio ho iniziato a monitorare il web alla ricerca dei “migliori blogger” da invitare mi sono lasciata prendere la mano, lo ammetto. Con precisione certosina ho consultato le classifiche delle directory BlogBabel e BlogItalia, applicando quanto spiegato nel mio post sull’individuazione degli influencer.
Ho poi scremato l’elenco sulla base di criteri meramente quantitativi: principalmente il numero di visite mensili del blog ed i followers attivi su Facebook, Twitter e Instagram.
Con il senno di poi, questo lavoro è stato utile ma di certo non fondamentale per la buona riuscita del blog tour, determinata soprattutto dalla buona organizzazione e dal feeling che si è creato tra i blogger stessi e, senza falsa modestia, dalla simpatia e dalla capacità di coinvolgimento di chi ha organizzato il blog tour.
Il fattore umano quindi, prima dei numeri.

Come organizzare un blog tour

2) La copertura nazionale

Ad evento concluso, posso rivelare quale era la più grande preoccupazione di Noetica: non riuscire a garantire all’evento Tutti i colori del pennello una copertura mediatica che superasse i confini regionali, considerata soprattutto la scarsa notorietà della Rocca di Vignola, non avvezza ad attività promozionali ad ampio raggio.
Invece avere affiancato all’ufficio stampa tradizionale su TV, radio e quotidiani l’attività online (su siti e blog) e l’organizzazione di un blog tour ci ha permesso di ottenere una visibilità nazionale e addirittura estera.

3) La potenza dello storytelling

Più di mille comunicati stampa pubblicati in serie, può l’ottimo storytelling del blogger che racconta un evento che ha vissuto in prima persona, narrando un luogo che per colori, sapori e persone gli è ormai entrato nel cuore.
Il fattore umano, ancora una volta, fa la differenza.

4) L’effetto sorpresa … per il blogger

Conoscete il proverbio cinese che suggerisce di trasformare i punti di debolezza in fattori di forza? Bene, questa è stata la strategia sposata da Noetica che, fin dalle prime telefonate ai blogger, ha puntato tutto sull’effetto sorpresa: l’invito a scoprire un monumento poco conosciuto, di cui nessuno aveva mai parlato nel dettaglio.
Allo stesso modo, i dettagli dell’evento (in particolare le spettacolari proiezioni sulle pareti esterne della Rocca) sono stati resi noti solo all’ultimo…

5) L’effetto sorpresa … per il cliente

Questo punto non è in realtà un suggerimento, bensì il risultato di uno splendido lavoro di squadra realizzato dall’Agenzia Noetica e dai 10 fantastici professionisti che hanno lavorato con noi per tutto il week end e hanno contribuito a lasciare letteralmente senza parole la Fondazione di Vignola per la quantità e la qualità dei risultati ottenuti.
Se volete scoprire cosa è successo prima, dopo e soprattutto durante il blog tour Tutti i colori del pennello, leggete questo post su Storify:

Riguardo l'autore

Sara Mariani

Web copywriter, esperta in SEO Copy e Content Marketing. Dopo una laurea in materie umanistiche e un master in Marketing, Comunicazione d'impresa e Pubbliche Relazioni, sviluppa le prime collaborazioni come copy writer e addetto ufficio stampa. Nel 2006 entra con il ruolo di responsabile di progetto a Noetica e sviluppa piani di comunicazione web: scrivere e trovare contenuti vincenti per il web è la sua "missione". Dall'incontro tra le esperienze d'agenzia e la passione per l'insegnamento nascono i suoi corsi di formazione.

0 Commenti

Scrivi un commento