Statistiche sul web marketing in piccole dosi

Quanta importanza date ai numeri? Non sto parlando di cabala, ma di dati. Se, come me, avete una finestra affacciata sul web, posso immaginare la risposta. Ogni giorno abbiamo a che fare con insights, analytics e report, quindi sappiamo bene che strutturare la propria presenza online, o quella di un cliente, non può prescindere dai numeri.
Dall’ analisi quali-quantitativa dei nostri canali, poi, rivolgiamo l’attenzione altrove, ricerchiamo sempre più dati, più numeri, diventando di fatto drogati di statistiche, tossicodipendenti dell’ultima ricerca made in USA. Allora, per questa volta, divento la vostra pusher, dandovi un po’ di numeri:

  1. Nei prossimi 5 anni il budget previsto per la gestione della presenza sui social media è destinato a raddoppiare.
  2. Tra i social più usati dalle aziende B2B LinkedIn è al primo posto (91%), seguito da Twitter (85%) e Facebook (81%).
  3. Gli obiettivi perseguiti dalle aziende che investono sui social media sono: rafforzare la conoscenza del brand (83%); aumentare il traffico verso il sito aziendale (69%); ottenere dati sul mercato di riferimento (65%).
  4. Ogni mese vengono fatte più di 10,3 miliardi di ricerche su Google, con il 78% degli utenti (statunitensi) che ricerca prodotti e servizi online.
  5. Le pagine che occupano i primi 4 risultati della SERP ricevono l’83% dei click
  6. Solo il 48% delle ricerche produce una visita a una pagina della SERP. Il restante 52% clicca su annunci a pagamento, inizia una nuova ricerca o abbandona il motore di ricerca senza cliccare su nessuna delle pagine risultanti.
  7. Tra i vari tipi di online advertising (search, display e social), quella ritenuta più efficace per stimolare le vendite dirette è quella all’interno dei motori di ricerca, secondo il 40% degli operatori del settore.
  8. L’ottimizzazione della landing page è considerata il principale fattore di successo di una campagna di search advertising, mentre la definizione dei target è quello di una campagna display ads.
  9. Sebbene il 90% degli addetti dichiara di utilizzare il content marketing, solo il 42% delle aziende B2B e il 34% di quelle B2C ritengono di farlo in maniera efficace.
  10. Trovare il tempo da investire è vista come la sfida più grande da affrontare nel content marketing (30%), seguono la difficoltà a produrre abbastanza contenuti (11%) e la difficoltà a produrre contenuti ad alto tasso di gradimento (11%)

Queste sono solo 10 delle 83 statistiche raccolte da Business2Community. Si tratta di dati e numeri rilevanti che riguardano social network, e-mail marketing, blogging e content marketing: tutti temi che verranno trattati più diffusamente nel master “Nuove strategie di web marketing”, organizzato da Noetica. Se volete scoprire nel dettaglio il programma di questo corso di cinque giornate dedicate al marketing online, vi basterà seguire questo link.

Riguardo l'autore

Maria Chiara Greco

Web Writing esperta, si occupa di SEO Copy e Social Media Marketing. Collabora con diverse agenzie di comunicazione Web tra le quali Net Propaganda e Noetica.

0 Commenti

    Scrivi un commento