Keywords Research: una fase importante nell’ottimizzazione di un sito

Come trovare le parole chiave di un sito internet

L’attività di individuazione delle parole chiave (o keyword research) è una delle fasi più importanti nella progettazione e nell’ottimizzazione di un sito web. Le persone che non conoscono direttamente la nostra attività ma che stanno cercando il servizio o il prodotto che offriamo come prima cosa usano un motore di ricerca per reperire informazioni. Aprono Google (soprattutto Google) e, nella barra di ricerca, digitano una parola o una frase. Quelle sono le nostre parole chiave e a partire da quelle Google restituirà milioni di risultati, tra i quali anche il nostro sito.

Non solo SEO, ma analisi

La ricerca delle parole chiave deve essere vista come un momento di analisi dei consumatori e delle loro abitudini di ricerca. Quanto più accurata è questa analisi, più probabilità avremo di attirare i giusti visitatori. I giusti visitatori sono cioè quelli realmente interessati, quelli che stanno cercando esattamente quello che noi offriamo, quelli che porteranno maggiori conversioni.

La prima fase di analisi non riguarda solo ed esclusivamente chi sta lavorando sulla progettazione o sull’ottimizzazione del sito, ma riguarda tutta l’azienda. Coinvolgendo anche coloro che stanno a diretto contatto con i clienti, facciamo un brainstorming in cui chiederci: Qual è lo scopo del sito? Per cosa vogliamo essere trovati? I contenuti che offriamo sono coerenti con le parole chiave ricercate?

Il risultato di questo brainstorming sarà una lista di parole chiave che descrivano i servizi o i prodotti offerti.

Entrare nello specifico  

Evitate parole chiave generiche ed entrate nello specifico della vostra attività, in questo modo i vantaggi saranno due: da un lato la concorrenza sarà ridotta; dall’altro attirerete visitatori più interessati. Se siete un fotografo, difficilmente riuscirete a essere visti tra i 178.000.000 di risultati della parola chiave “fotografia”, senza contare che chi cerca la parola “fotografia” può cercare nozioni sulla storia della fotografia, selle tecniche di fotografia piuttosto che un fotografo. Meglio allora essere più specifici, usando, per esempio, “servizio fotografico matrimonio bologna”.

Affinare la lista

Ma il lavoro di ricerca della parole chiave non è finito qui. Le keywords contenute nella vostra lista, infatti, potrebbero non corrispondere a quello che viene effettivamente ricercato dai consumatori. Per ottimizzare la vostra lista in modo che si allinei con le frasi maggiormente ricercate sui motori di ricerca o per individuare nuove parole chiave potete sfruttare diverse risorse. Due risorse di Google le avete sotto gli occhi ogni volta che fate una ricerca: parlo di Google Instant (i suggerimenti che Google dà mentre si digita nella barra di ricerca) e del riquadro delle ricerche correlate.

Lo strumento principe è, però, Google Adwords Keyword Planner. Questa risorsa, nata per la pianificazione delle campagne Adwords, ci fornisce suggerimenti per le parole chiave da utilizzare a partire dal nostro prodotto o servizio. Oltre a questo il Keyword Planner ci dà altre due utili indicazioni: la media delle ricerche mensili effettuati per quella determinata parola chiave e la concorrenza, ossia la competitività del posizionamento. Incrociando questi due dati, si può avere un’idea di quali sono le parole chiave su cui puntare.

Se lavoriamo su un sito già esistente possiamo sfruttare i dati fornitici da Google Analytics e dai Google Webmaster Tool per capire come i visitatori sono arrivati a trovarci e attraverso quali pagine. E sebbene Google abbia recentemente limitato la visibilità delle queries con un elegante “not provided”, sapere quali sono le pagine più visitate ci permetterà comunque di comprendere meglio cosa cerca maggiormente il nostro pubblico target.

Il lavoro non finisce mai…

Non fate l’errore di pensare che una volta trovate le parole chiave e inserite all’interno del sito, il lavoro sia finito. La ricerca delle parole chiave è un’attività continua. L’ascolto della rete è fondamentale per capire l’evoluzione delle abitudini di ricerca dei consumatori. Oltre alle risorse prima menzionate, possiamo utilizzare i social network per capire di cosa il nostro target parla e soprattutto in che termini lo fa (grazie alla ricerca per hashtag).

Individuare nuove parole chiave ci permetterà di adattare il sito, non necessariamente attraverso nuove pagine, ma anche solo tramite post sul blog.

Volete approfondire l’argomento? Lo faremo al corso di Web Writing e SEO copy organizzato da Noetica. Per maggiori informazioni visita la pagina dedicata al corso.

 

Riguardo l'autore

Maria Chiara Greco

Web Writing esperta, si occupa di SEO Copy e Social Media Marketing. Collabora con diverse agenzie di comunicazione Web tra le quali Net Propaganda e Noetica.

0 Commenti

    Scrivi un commento