L’ufficio stampa per promuovere eventi commerciali [Case Study]

Come gli addetti stampa sanno bene, ottenere pubblicazioni e visibilità sui media per un evento commerciale può essere complesso, oserei dire impossibile.
Il giornalista infatti è “paladino” della notizia e rifugge l’informazione che mira, più o meno velatamente, a pubblicizzare un brand.
Il rischio è il silenzio mediatico, la totale assenza della notizia sulla stampa online e offline.

In questo dilemma si è trovata Noetica quando gli è stata commissionata la promozione dello “Speciale Weekend” di Stosa Store di Bologna, noto brand di cucine.
Come garantire più visibilità possibile su quotidiani e siti online ad un evento che, per sua natura, è ideato solo per fare pubblicità ad un brand ed ai suoi prodotti?

In molti forse avrebbero scelto la comoda (e dispendiosa) strada dei publiredazionali, ovvero articoli il cui contenuto è concordato con la redazione e quindi può essere “pilotato”. Noetica invece ha trovato una soluzione alternativa e vincente.
Questo post vi spiega quale …

 

Come promuovere un evento commerciale

  1. Mettere in evidenza gli aspetti meno pubblicitari, sempre e comunque

    Tra gli appuntamenti dello speciale weekend figurava anche lo showcooking del noto chef Simone Rugiati, mattatore sui social e conduttore di trasmissioni televisive molto seguite come “Cuochi e fiamme” e “Food Maniac”.
    I comunicati stampa inviati da Noetica sono stati tutti incentrati sulla sua presenza e l’invito rivolto ai giornalisti intendeva sollecitare unicamente interviste al cuoco toscano.
    Contenuti e notizie, quindi, senza veicolare alcun messaggio pubblicitario.

  2. Coinvolgere il target più interessato

    Chi poteva essere interessato ad incontrare e intervistare Simone Rugiati? Probabilmente un giornalista, ma sicuramente un collega, specie se autore di un blog di cucina. Noetica ha quindi coinvolto i food blogger ipotizzando, a ragione, che potessero essere interessati ad intervistare il noto chef e ad immortalarsi con lui per lavorare di personal branding sui social network e non solo…La scommessa è stata vinta: 20 sono stati i food blogger che hanno risposto all’invito di Stosa, partecipando all’evento, pubblicando articoli e commentando in diretta lo showcooking su Facebook, Twitter e Instagram.

 

Simone Rugiati e Italicana kitchen

 

3. Creare momenti riservati ed iniziative speciali

Prima dello showcooking e lontano dai riflettori e dai fornelli, Simone ha risposto alle domande dei food blogger. Dopo le interviste riservate, i food flogger sono stati immortalati dentro a Polaroid brandizzate #StosaStoreBologna, unica concessione all’interno di una giornata altrimenti lontana da logiche pubblicitarie.
Vi state domandando quali sono stati i risultati di questa operazione? Potete apprezzarli sfogliando questo Storify.

 

Riguardo l'autore

Sara Mariani

Web copywriter, esperta in SEO Copy e Content Marketing. Dopo una laurea in materie umanistiche e un master in Marketing, Comunicazione d'impresa e Pubbliche Relazioni, sviluppa le prime collaborazioni come copy writer e addetto ufficio stampa. Nel 2006 entra con il ruolo di responsabile di progetto a Noetica e sviluppa piani di comunicazione web: scrivere e trovare contenuti vincenti per il web è la sua "missione". Dall'incontro tra le esperienze d'agenzia e la passione per l'insegnamento nascono i suoi corsi di formazione.

0 Commenti

    Scrivi un commento